Firma accordo Comune di Trissino 04 settembre 2014

05 settembre 2014

Firma accordo Comune di Trissino 04 settembre 2014

Articolo Giornale di Vicenza gg. 5 settembre 2014

 

Via libera alla realizzazione del bacino dell'Agro-Guà, ideato per contenere le piene.
L'll luglio scorso, infatti, il Tar di Venezia ha respinto il ricorso promosso dal "Consorzio Stabile Europeo". Per effetto di questa sentenza il Consorzio Alta Pianura Veneta ha stipulato il contratto d'appalto il 4 agosto scorso con l'Ati, aggiudicataria dell'appalto, composta dal Consorzio stabile Medoacus di Padova, dal Consorzio stabile Idrabilding di Vicenza e dal Consorzio cooperativo S.C.P.A. di Rovigo, che hanno vinto l'appalto con un ribasso di quasi il 130%, per cui il bacino di laminazione costerà 15 milioni 101 mila euro.


L'impresa ha tempo 120 giorni per fare il progetto esecutivo, nel frattempo può aprire il cantiere, recintare l'area e preparare le strade di accesso il bacino avrà una capacità di 3,5 milioni di metri cubi e sorgerà nell'area demaniale di 80 ettari delle rotte del Guà. Il termine dei lavori è previsto in due anni e mezzo.


La notizia è stata data ieri mattina dal presidente del consorzio Alta Pianura Veneta, SilvioParise e dal direttore generale Gianfranco Battistello, giuntiin municipio per sottoscrivere l'accordo con il sindaco Davide Faccio relativo alla realizzazione delle opere di compensazione. Il piano prevede la realizzazione di una rete nuova del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, che metterà in sicurezza idraulica il centro abitato a sud di Trissino e di due scolmatori in via Verdi in via Verona, del costo di 887 mila 500 euro.


«Uno scolmatore è già stato realizzato 4 anni fa a nord del paese, risolvendo il problema degli allagamenti - ha detto il sindaco Faccio -. Mentre la pista ciclo pedonale, che corre sopra il fossato interrato, lungo la sp 89 di Tezze, via Pranovi fino al confine di Arzignano del costo di 684 mila euro, è già stata completata, la sistemazione delle acque meteoriche di via Postale Vecchia del costo di 129 mila euro si sta completando in questi giorni. La Regione e il consorzio APV hanno creduto alle nostre proposte. Con le nuove opere il centro di'-li-issino sarà completamente messo in sicurezza idraulica».


Il presidente Parise ha evidenziato l'intesa raggiunta fra Consorzio, Comune e Regione, che ha consentito di mettere in sicurezza il territorio di Trissino, ma anche della bassa veronese. Era presente l'assessore all'ambiente Maurizio Conte, che ha sottolineato come la realizzazione del bacino dimostri la volontà concreta della Regione di risolvere i problemi idrogeologici , che affliggono il territorio veneto tanto che si sta già pensando anche al futuro ampliamento del bacino di Montebello. 

Giorgio Gentilin sindaco di Arzignano, richiamandosi alle preoccupazioni di Tezze, ha detto che farà incontri con i residenti per rassicurarli che il bacino non comporterà problemi idraulici al loro territorio.