La salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorseLa salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorse
La salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorseLa salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorse
La salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorseLa salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorse
La salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorseLa salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorse
La salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorseLa salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorse
La salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorseLa salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorse
La salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorseLa salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorse
La salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorseLa salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorse
La salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorseLa salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorse
La salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorseLa salvaguardia del territorio è il saggio uso della terra e delle sue risorse
Area Informativa
Lavori in corso
Continua >

COMUNICATO STAMPA 30 Agosto 2016

San Bonifacio, 30 agosto 2016. “Nel Basso Vicentino, in particolare nell’area di Nanto, si rendeva necessario un importante intervento per tutelare i cittadini e le aziende. Con questo spirito e la massima collaborazione delle amministrazioni comunali interessante, è stato possibile intervenire ad hoc per garantire l’irrigazione alle aziende agricole, in un’area in cui il settore primario è rilevante, e salvaguardare dagli allagamenti aziende ed abitazioni. Si tratta di un’attività fortemente voluta dal compianto presidente Antonio Nani, che ha visto la luce soltanto dopo la sua morte”. Con queste parole il presidente del Consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta, Silvio Parise, interviene a conclusione degli importanti lavori di messa in sicurezza idraulica del territorio di Nanto e Ponte di Nanto. Lo scolo Salvi, oggetto dell’intervento, nasce in prossimità dell’abitato di Ponte di Nanto e scorre in direzione Est, Sud-Est fino alla confluenza con il canale Bandezzà, a Mossano, per una lunghezza complessiva di 4.7 km ed un bacino idrografico di poco inferiore a 700 ha. Il Salvi durante il suo corso riceve gli apporti da alcuni scoli minori che ne incrementano la portata fino alla confluenza con il recettore principale. Le aree limitrofe al corso d’acqua, che contribuiscono alla formazione dei deflussi, sono adibite alla pratica agricola (prati e seminativo), mentre le aree urbanizzate rappresentano circa il 12% della superficie del bacino. “Al fine di migliorare le condizioni di deflusso dello Scolo Salvi – commenta il presidente Parise – è stata rialzata la sponda del corso d’acqua da 30 a 70 cm, mediante l’utilizzo del materiale delle escavazioni. Complessivamente sono stati movimentati 10800 mc di materiale, dei quali ne sono stati reimpiegati poco più della metà”. Gli altri interventi si sono resi necessari per l’adeguamento dei manufatti di attraversamento che, come è emerso dall’analisi idraulica, presentavano sezione insufficiente al deflusso, determinando condizioni di rigurgito ed esondazione del corso d’acqua. Le opere previste hanno riguardato la sostituzione delle attuali tubazioni e strutture, con la posa di manufatti prefabbricati in calcestruzzo, a sezione rettangolare, di dimensione tale da far transitare la portata in condizioni di sicurezza. Lungo via Pilastri, a Nanto, è stata effettuata la ricalibratura e l’allargamento dell’attuale sezione fluviale. Nel complesso l’intervento consente una capacità di invaso di circa 19.000 mc. Il materiale asportato per la realizzazione dell’intervento, circa 2400 mc, è stato per oltre un quarto utilizzato per l’esecuzione dei rinterri della sezione attuale. Ulteriori interventi complementari sono consistiti nella realizzazione di difesa di sponda con pietrame a secco solo in corrispondenza di alcune curve, dove il flusso delle acque avrebbe eroso maggiormente la sponda. L’opera è stata complessivamente finanziata con 1.649.503,59 euro. “I lavori effettuati – conclude il presidente Parise – si sono rilevati decisamente utili e cittadini ed aziende ne hanno apprezzato i benefici anche in occasione delle più recenti abbondanti precipitazioni”.

« Torna alla pagina principale
Amministrazione trasparente
Newsletter Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e sarai sempre aggiornato sulle novità.
I Consorzi del Veneto
  • 1. Veronese
  • 2. Adige Po
  • 3. Delta del Po
  • 4. Alta Pianura Veneta
  • 5. Brenta
  • 6. Adige Euganeo
  • 7. Bacchiglione
  • 8. Acque Risorgive
  • 9. Piave
  • 10. Veneto Orientale