LA COMMISSIONE CONSULTIVA OPERE IN VISITA AI CANTIERI APV

19 giugno 2018

LA COMMISSIONE CONSULTIVA OPERE IN VISITA AI CANTIERI APV

Si è riunita martedì 12 giugno la Commissione Consultiva Opere, iniziando con la visita ai cantieri del territorio veronese chiedendo anche la disponibilità ai tecnici interessati per quelli più estesi della provincia di Vicenza.
Per la Commissione erano presenti il presidente De Munari ed il consigliere Casanova, che si sono confrontati con il direttore del Consorzio Alta Pianura Veneta ing. Battistello, il geometra Salerno e l'ingegnere Pernigotto, responsabili dei lavori visitati.
Inizialmente è stato visionato il pozzo di Cazzano di Tramigna, un'opera fortemente voluta dall'Amministrazione APV per dissetare una vallata coltivata prevalentemente a vigneto e dal potenziale economico considerevole per tutta la zona.

Vallata

Si è riscontrato che tutta la parte ispettiva del sottosuolo e di perforazione è terminata, con una disponibilità stabile d'acqua di 10 mc/secondo e che a breve, sarà possibile lavorare per la posa delle tubature sotterranee per arrivare capillarmente sul territorio. Questa seconda parte dell'intervento sarà realizzata nei prossimi mesi e si prevede di ultimarla entro il 2019.

Pozzo

E' stato inaugurato nel 2017 il pozzo di Illasi visitato subito dopo, nato in co-partecipazione con l'amministrazione comunale. Posizionato in una zona di confluenza di falde d'acqua, ha una portata di 45 mc/secondo potendo così soddisfare le necessità di ampliamento del servizio irriguo nella vallata d'Illasi. La tecnologia e l'automazione della centralina completamente elettronica permettono la gestione ed il monitoraggio del pozzo anche da remoto.

Illasi

La Commissione ha quindi visitato l'impianto di Lavagno, dove il Consorzio APV ha sostituito gli esistenti quadri elettrici inserendo apparecchiature di ultima generazione. Una realtà della bonifica costruita negli anni '50, risistemata poi negli anni '70 e che iniziava ad accusare i primi segni del tempo. Vista l'importanza dell'opera si è provveduto ad ammodernare l'impianto continuando così a servire al meglio la vallata circostante, spingendo l'acqua sulla sommità delle colline.

Lavagno

Dalla "pesca" in Antanello passando per la località Busolo fino ai monti di Marcellise, una rete sotterranea gestita con saracinesche ed in parte con moderna elettronica, serve un territorio di eccellenza agro-vitinicola.

Zerpa

L'ingegner Pernigotto ha poi accompagnato i consiglieri all'impianto idrovoro di Zerpa, nel Comune di Arcole, dove sono stati sostituiti due dei tre motori diesel con altrettanti motori elettrici ed una pompa, posizionata negli anni '60, con una con capacità di portata maggiore.
I motori elettrici sviluppano infatti, una potenza pari a 700 kW e vengono alimentati dalla linea elettrica in media tensione presente nelle vicinanze dell'impianto.
Il tutto sarà connesso con un sistema di telecontrollo per la gestione delle emergenze ed il monitoraggio dei livelli idrici anche da remoto.
E' verosimile affermare che i lavori si concluderanno entro la fine del 2019.
Da ultimo si sono recati presso il ponte sul Collettore Zerpano in via Alberazzi a Veronella, dove è in corso il posizionamento di un traliccio in acciaio per lo spostamento dei sotto-servizi, parallelamente al ponte stesso.
Un incarico oneroso interamente assunto dalla Società Acque Veronesi che, gestendo una complicata deviazione provvisoria rispetto ad una dorsale principale dell'acquedotto, deve garantire il servizio ad un bacino d'utenza di circa 200.000 persone.
I sotto-servizi vedono coinvolte anche altre società quali quelle del gas, dell'energia elettrica e della telefonia.
Si stima che un termine dei lavori per la fine 2019.
Un'opera di rifacimento che rappresenta un'importante risposta ad un centro abitato penalizzato dai flussi veicolari, anche di mezzi pesanti, che sono stati necessariamente deviati per l'instabilità della struttura.

Veronella

In chiusura di visita, il presidente della Commissione Consultiva Opere, De Munari ha sottolineato la qualità degli interventi eseguiti ed in via di ultimazione, chiedendo un'attenzione particolare per le pompe da sostituire presso il bacino di Zerpa. " Attrezzature che hanno una storia e che vale la pena conservare!"
Il consigliere Casanova, concorde col suo presidente, aggiunge la necessità di metter in sicurezza le strutture adiacenti al casello sempre in località Zerpa.